Mani
Fondazione di Piacenza e Vigevano

Modellismo

OBIETTIVO

L'obiettivo che ci prefiggiamo, portando nelle scuole primarie e secondarie di primo grado la conoscenza della riproduzione a modello di vari oggetti che ci circondano, è quello di migliorare la manualità degli adolescenti, sviluppare la loro attenzione e la loro pazienza, applicare varie tecniche, utilizzare al meglio i materiali.auto costruite da alunni di III^ elementare
Lo sviluppo di questa "passione" ( tale deve diventare l'applicazione per ottenere risultati apprezzabili) non vuole e non deve sostituirsi integralmente agli altri giochi e men che meno isolare gli appassionati, ma affiancarsi a tutte le altre attività ludiche, facendo in modo che nessuna di loro diventi dominante, come invece sembra che stia accadendo con gli attualissimi giochi elettronici che tanto tempo impegnano i nostri giovani in maniera, spesso, diseducativa.

Nelle foto, le realizzazioni delle alunne e degli alunni di una classe III delle scuole primarie.

COSA RIPRODURRE

Si può affermare che tutto è stato riprodotto e continuamente si riproduce.
L'attività si svolge secondo vari gradi di difficoltà, commisurati all'abilità, all'esperienza e alla disponibilità di tempo del modellista; spesso si inizia comprando semplici ed economiche scatole di montaggio per passare poi alla loro modifica e quindi alla costruzione integrale partendo dal disegno.  L'ultimo stadio è rappresentato dalla ricerca iconografica e dal reperimento di notizie circa l'oggetto che vogliamo riprodurre, per passare poi alla sua progettazione in chiave modellistica e, infine, alla sua costruzione.
Ci sono appassionati che si specializzano in macchine, edifici, ecc. del passato, facendo rivivere epoche spesso dimenticate; altri che sviluppano una notevole conoscenza storica circa fatti bellici di varie epoche, riproducendo ambienti e attori.
Altro importante settore del modellismo è quello denominato "fermodellismo" (modellismo ferroviario) per il quale numerosi appassionati raccolgono le riproduzioni del materiale ferroviario (locomotive, vagoni, scambi di binari, edilizia ferroviaria, ecc) di storiche ditte modellistiche, costruendo poi plastici, spesso ispirandosi a scenari reali, di notevole bellezza, complessità e suggestione: su di essi i treni viaggiano su ponti e dentro gallerie, cambiando binari e fermandosi alle stazioni, mentre le auto sulle strade si fermano ai passaggi a livello. C'è poi l'aeromodellismo (veramente spettacolare per esibizioni acrobatiche dei modelli volanti), l'automodellismo dinamico (dove si realizzano modelli di vetture di vario tipo, miracoli di tecnologia, mosse da potenti motori endotermici, protagoniste di gare entusiasmanti), ecc.
Non bisogna pensare che si riproduca solo il passato: infatti spesso progettisti, architetti e costruttori utilizzano modelli per lo studio di nuovi prodotti, il loro comportamento e il loro aspetto estetico.  Basta pensare ai modelli sviluppati dai costruttori di autovetture per lo studio dei comportamenti aerodinamici e degli aspetti estetici, oppure ai plastici architettonici riproducenti edifici, quartieri, monumenti.
Come si può capire il modellismo non è solo divertimento ma può diventare un importante e qualificato impegno lavorativo.